Posts contrassegnato dai tag ‘Noel Gallagher’

TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

Daft Punk, Snoop Dogg, Noel Gallagher, Ian Brown, Ciara e David Beckam si sono dati appuntamento nella Cantina, il famigerato bar di Mos Eisley, principale cittadina del pianeta Tatooine. Sì, il nostro universo e quello di Guerre Stellari si sono incontrati per 2 minuti e 10 secondi, la durata della nuova pubblicità che l’Adidas ha tirato fuori per la linea “Originals” in occasione dei Mondiali di Calcio al via il prossimo 11 giugno.

Il girato, neanche a dirlo, è geniale. Insomma, Snoop fa a pezzi un cacciatore di taglie con una spada laser e i Daft Punk chiacchierano con Han Solo… Si può chiedere di meglio? No. Punto. La scena della Cantina di Star Wars è una di quelle che il cinema di fantascienza considera sacre ma i creativi del noto marchio di abbigliamento sportivo ci ha lavorato sopra con il rispetto che soltanto i fan della serie avrebbero potuto dimostrare. Ma basta parlare, godetevi lo spot cliccando play sul video qui sotto.

Bookmark and Share

Annunci

Liam: “No, non ci chiameremo Oasis”

Pubblicato: febbraio 8, 2010 da joolio in Notizie
Tag:, , ,

Sembra che Liam Gallagher sia rinsavito. In una recente intervista con Radio XFM, come riportato da NME, ha finalmente rivelato che il nome della sua band non sarà né Oasis né Oasis 2.0 nonostante i componenti siano proprio quelli del gruppo di Manchester meno suo fratello Noel.

Anzi, per non perdere le buone abitudini che l’hanno reso famoso in questi anni ha aggiunto che “comunque il nome Oasis era una cagata”, senza dimenticare di aggiungere che il disco della band ancora senza nome – “Ce ne piace uno ma staremo a vedere come andrà con la musica prima di decidere” – uscirà il prossimo luglio.

Nel frattempo, Noel Gallagher suonerà il suo primo concerto post-Oasis a marzo per il Teenage Cancer Trust, insieme con Them Crooked Vultures, Arctic Monkeys e gli Who.

Bookmark and Share

Secondo quanto riportato da Rockol, il leader dei fu Oasis Liam Gallagher avrebbe dichiarato al quotidiano di Londra Evening Standard che il prossimo album della sua band è pronto al 50%. Non solo. Lui, Gem Archer e Andy Bell si ritroveranno in studio subito dopo Natale per le registrazioni e, se non dovesse essere escogitato un buon nome per la formazione, la stessa pubblicherà il disco come Oasis.

Chissà cosa ne penserà Noel di questa storia. Dopo che il più anziano dei Gallagher abbandonò il gruppo la scorsa estate, Liam e i rimanenti Oasis chiarirono subito che avrebbe continuato a fare musica insieme ma ora le cose stanno prendendo una piega un po’ diversa. E Noel dovesse protestare? “Se pensa di potermi telefonare quando cavolo gli pare, se lo scorda”, ha detto Liam. “Sarò sempre molto occupato se chiama”.

E poi, sull’album in preparazione: “Siamo a metà dell’opera. Le canzoni le abbiamo fatte tutte. Abbiamo prenotato un po’ di tempo in studio dopo Natale e abbiamo intenzione d’entrare in sala, fare le cose rapidamente ma senza agitarci troppo. In questo momento non stiamo usando il nome Oasis, ma se non ci viene in mente altro quando sarà l’ora di pubblicare il disco, allora lo faremo come Oasis. Non ho intenzione di trovarmi un nome ridicolo giusto per il gusto di trovare un nome nuovo”.

Bookmark and Share
TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

Noel GallagherSarà vero questa volta? Noel Gallagher, mastermind degli Oasis, ha lasciato la band per l’ennesima volta. Il motivo principale, manco a dirlo, sarebbe l’intricato e costantemente confiluttuale rapporto col fratello Liam col quale sembra non voler avere più niente a che fare.

“E’ con un po’ di tristezza e con grande sollievo che stasera annuncio il mio distacco dagli Oasis. La gente scriverà di tutto ma semplicemente non posso continuare a lavorare con Liam un giorno di più. Mi scuso con tutte le persone che hanno acquistato i biglietti per i concerti di Parigi, Konstanz e Milano”. Con queste parole, pubblicate sulla pagine MySpace della band e sul relativo sito, il chitarrista ha dato ufficialità alla cosa.

In un secondo post, poi, ha chiarito meglio i termini della questione spiegando che è stato forzato a prendere la decisione perché tanto il management quanto la band non lo hanno né supportato né capito nel corso degli anni.

Salta dunque anche il concerto Milanese, l’ultimo del tour europeo 2009 del gruppo di Manchester, che era previsto all’interno della prima edizione dello I-Day Urban Festival: con un comunicato stampa il promoter Indipendente ha fatto sapere che “il festival si svolgerà regolarmente anche senza gli Oasis; è confermata la presenza degli altri gruppi in cartellone, The Kooks, Kasabian, Twisted Wheel, Expatriate e The Hacienda”.

Nelle orecchie
Arctic Monkeys – “Humbug”