Posts contrassegnato dai tag ‘Cover’

TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS


Bookmark and Share

Annunci
TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

Col disco solista, Go, in uscita il 5 aprile, Jonsi è impegnatissimo nella relativa promozione. E, tra le varie sortite pubbliche, quella fatta a BBC Radio 1 è stata piuttosto interessante. Il leader dei Sigur Ros ha suonato, oltre al singolo Go Do, una fantastica cover di Time To Pretend.

La potete ascoltare cliccando qui.

Bookmark and Share

TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

Ho scoperto questo video su Troublezine e non potevo non postarlo. A Indiependenza siamo letteralmente pazzi per i Gaslight Anthem, band del New Jersey che ha inciso uno dei più bei dischi del 2008: se non conoscete The ’59 Sound fate in modo di ascoltarlo perché contiene 12 perle di un perfetto ibrido fra punk, indie, folk e Bruce Springsteen.

Per tornare al video, si tratta di una cover di Come Together dei Beatles. Enjoy!

Bookmark and Share

Secondo round per il Record Club di Beck

Pubblicato: settembre 6, 2009 da joolio in Notizie, Video
Tag:, ,
TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

BeckL’idea è questa: invitare degli amici musicisti in studio e ‘coverizzare’ un intero album in un solo giorno. Ad averla è stato Beck che, giunto al secondo round dopo aver registrato tutto The Velvet Underground & Nico, ha dato all’iniziativa il nome di Record Club.

Questa volta il folletto di Los Angeles ha reclutato Devendra Banhart, gli MGMT, Binki Shapiro dei Little Joy, Andrew dei Wolfmother e i suoi musicisti Brian Lebarton e Bram Inscore, per dare in pasto al pubblico l’ellepi che Leonard Cohen pubblicò nel 1967, intitolato Songs of Leonard Cohen. Se pensate che nella discussione su quale album registrare è anche stato fatto il nome degli Ace of Base, direi che è andata piuttosto bene anche questa volta.

Sul sito del Record Club Beck ha già postato il video di Suzanne, la prima traccia, e ne aggiungerà una nuova alla settimana. “Non abbiamo alcuna intenzione di cambiare i pezzi o di ricreare la forza degli originali”, ha spiegato l’artista. “Desideriamo suonare e documentare cosa ne esce. E se le nostre versioni interesseranno anche coloro che non hanno mai sentito questi brani, spero che questi si sentano motivati a cercare e ascoltare gli originali”.

Nelle orecchie
Arctic Monkeys – My propeller