Posts contrassegnato dai tag ‘Muse’

TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

Bookmark and Share

TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

Indie, vampiri e licantropi ancora insieme. Lo scorso anno la soundtrack di New Moon, seconda puntata della saga di Twilight, includeva gente come Thom Yorke, Grizzly Bear, Beach House e una collaborazione tra Bon Iver e St. Vincent. E nel 2010 il trend continua col terzo film, Eclipse, la cui colonna sonora è stata svelata ieri su MySpace.

Vampire Weekend (con l’inedito Jonathan Low), Band of Horses (non perdetevi il nuovo e bellissimo Infinite Arms), i Dead Weather di Jack White, Florence and the Machine, Metric, Cee-Lo Green, Black Keys (anche qui non lasciatevi scappare il prossimo Brothers), Bravery e Muse, con il singolo Neutron Star Collision (Love is Forever), hanno tutti contribuito alla soundtrack in uscita l’8 giugno. Senza contare l’interessante collaborazione tra Beck e Bat for Lashes per la canzone Let’s Get Lost.

Ecco la tracklist completa di The Twilight Saga: Eclipse:

01 Metric: Eclipse (All Yours)
02 Muse: Neutron Star Collision (Love Is Forever)
03 The Bravery: Ours
04 Florence and the Machine: Heavy in Your Arms
05 Sia: My Love
06 Fanfarlo: Atlas
07 The Black Keys: Chop and Change
08 The Dead Weather: Rolling in on a Burning Tire
09 Beck and Bat For Lashes: Let’s Get Lost
10 Vampire Weekend: Jonathan Low
11 UNKLE: With You in My Head [ft. the Black Angels]
12 Eastern Conference Champions: A Million Miles an Hour
13 Band of Horses: Life on Earth
14 Cee-Lo Green: What Part of Forever
15 Howard Shore: Jacob’s Theme

Bookmark and Share

TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

I Muse hanno scelto il secondo estratto da The Resistance (che trovate recensito qui), ultimo lavoro del trio inglese. Si tratta di Undisclosed Desires, traccia che si discosta parecchio dalle sonorità che hanno reso celebre il gruppo.

Potete vedere il video del brano qui sotto.

Bookmark and Share
TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

Twilight Saga - New MoonI rumor e le voci che si sono inseguiti in queste ultime settimane a proposito della colonna sonora di New Moon, il secondo capitolo della saga vampiresca di Twilight, sono diventati realtà. La raccolta di canzoni per il film che uscirà il prossimo 20 ottobre sembra proprio un nuovo Dark Was the Night, il doppio album che quest’anno ha riunito i più importanti nomi dell’indie-rock mondiale per raccogliere fondi per combattere l’AIDS insieme all’organizzazione internazionale Red Hot.

La tracklist della coonna sonora, in effetti, parla da sola: Thom Yorke, Grizzly Bear, Lykke Li, The Killers, Editors, Bon Iver e St. Vincent (sì, insieme!) e, come già vi abbiamo raccontato, i Death Cab for Cutie.

Ecco i dettagli:

Death Cab for Cutie – Meet Me on the Equinox
Band of Skulls – Friends
Thom Yorke – Hearing Damage
Lykke Li – Possibility
The Killers – A White Demon Love Song
Anya Marina – Satellite Heart
Muse – I Belong to You (New Moon Remix)
Bon Iver and St. Vincent – Roslyn
Black Rebel Motorcycle Club – Done All Wrong
Hurricane Bells – Monsters
Sea Wolf – The Violet Hour
OK Go – Shooting the Moon
Grizzly Bear – Slow Life
Editors – No Sound But the Wind
Alexandre Desplat – New Moon (The Meadow)

Nelle orecchie
Phoenix – Wolfgang Amadeus Phoenix

TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

Geniali. Semplicemente geniali. I Muse hanno beffato al presentatrice Simona Ventura durante la trasmissione Quelli che il calcio andata in onda ieri pomeriggio su Rai Due. I componenti della band, sapendo di doversi esibire in playback sul nuovo singolo Uprising, si sono divertiti a scambiarsi i ruoli così il cantante/chitarrista Matt Bellamy ha finto di suonare la batteria, il bassista Christopher Wolstenholme ha imbracciato la chitarra e il batterista Dominic Howard ha fatto finta di destreggiarsi al microfono e al basso.

Al termine della performance, la Ventura ha intervistato Howard credendo che si trattasse di Bellamy e nessuno è intervenuto per farle capire che stava parlando con la persona sbagliata. Ecco l’esilarante video con i Muse in playback e con i ruoli scambiati.

Leggi la nostra recensione del nuovo disco dei Muse, The Resistance.

Muse – The Resistance

Pubblicato: settembre 19, 2009 da joolio in Recensioni
Tag:, , , ,
TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

The Resistance

Rating: 3/5

di Giulio Azzolini

Il troppo stroppia? La risposta è ovvia: sì. Non per i Muse però, che del “troppo” hanno fatto un vero e proprio credo. Il loro nuovo album, The Resistance, l’hanno costruito proprio sull’ammasso di idee, di livelli di suoni e di armonie vocali iper-prodotti cercando di governare l’eccesso, di tenere a bada il barocco e di dare forma agli arrangiamenti epici. Già, perché in questo quinto disco in studio il trio di Matt Bellamy ha voluto mettere di tutto: l’intera discografia dei Queen (in molte occasioni ne sembrano qui una versione aggiornata e più potente), il rock, il progressive, la musica classica, il pop danzereccio (Undisclosed Desires) e poi versi in francese (I Belong To You/Mon Coeur S’Ouvre à Ta Voix),  anthem da stadio – già vedo l’intera arena di Wembley cantare a squarciagola la title-track e il primo singolo, Uprising – schitarrate fulminanti e romantici pianoforti accompagnati da archi impetuosi (la colossale United States of Eurasia + Collateral Damage).

Megalomani? Forse. Eppure questo disco dei Muse funziona e ha un sound pazzesco. Non è al livello del precedente Black Holes And Revelations, di cui è la diretta e paffuta evoluzione (pensate intensamente a Starlight e Knights Of Cydonia quando lo ascolterete e non avrete dubbi), né, tantomeno, di Absolution ma nella grandiosità della scrittura, delle sonorità e degli arrangiamenti l’ascoltatore non perde mai la bussola, riuscendo anzi sempre a seguire la band nei cambi di ritmo e di atmosfera.

Con The Resistance i ragazzi di Teignmouth dimostrano di essere diventati grandi, di saper scrivere musica in qualche modo alternative, vigorosa e intensa riuscendo sempre a parlare e a connettersi con la massa. I Muse del 2009 guardano ormai ai Queen e agli U2 più che ai Radiohead e ai Nirvana e non hanno paura di chiudere un album di 11 tracce con una suite, Exogenesis, divisa in 3 parti. Segno che si sentono in grado di padroneggiare perfettamente il loro linguaggio sonoro. E questa ultima prova non solo gli dà ragione ma fa pensare che il loro obiettivo sia sempre stato quello di suonare così: arzigogolati ma pop, puliti ma ruvidi e potenti.

Muse: il video di “Uprising”

Pubblicato: settembre 18, 2009 da joolio in Video
Tag:, ,
TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

Il primo singolo dell’ultmo disco dei Muse si intitola Uprising ed è un anthem da stadio paffuto e strabordante che i Queen di Radio Ga Ga avrebbero apprezzato non poco. Godetevi il video di questo estratto da The Resistance.