Posts contrassegnato dai tag ‘Damon Albarn’


Bookmark and Share

Rating: 4/5

di Giulio Azzolini

Heligoland è il disco del ritorno: dei Massive Attack a quello che sanno fare meglio, del sound di Bristol, del trip-hop di qualità, della musica potente, ammantata di colori scuri eppure pieni zeppi di sfumature in cui perdersi. Sono passati 7 anni dal diverso ma comunque riuscito 100th Window – no, la colonna sonora di Danny The Dog non la contiamo – e quasi 20 dal loro esordio ma Robert “3D” Del Naja e Grant “Daddy G” Marshall hanno dato alle stampe un disco freschissimo e concreto, fatto di belle canzoni.

E, se ve lo steste chiedendo, c’è un certo parallelo tra il comeback dei Massive Attack e quello dei Portishead di due anni fa: Heligoland è però un album più diretto e con meno fronzoli del pur splendido Third. Più pop, in poche parole.

I tanti ospiti che costellano la tracklist – Damon Albarn, Tunde Adebimpe dei TV On The Radio, l’incantevole Martina Topley-Bird, Horace Andy, Hope Sandoval e Guy Carvey – non sono lì tanto per fare scena ma scolpiscono e caratterizzano con classe ogni pezzo, regalando a ognuno un’identità ben precisa.

Suoni pazzeschi e incedere pachidermico sono i primi biglietti da visita del disco che, ascolto dopo ascolto, si svestirà sempre di più fino a mostrare, semplicemente, delle ottime canzoni come Pray For Rain, Babel, Saturday Comes Slow e Atlas Air in cui lo spirito di DJ Shadow aleggia senza timidezza. E quando crederete di aver finito di sviscerarlo, ne vorrete ancora, magari dopo aver fatto un nuovo giro su Mezzanine. I Massive Attack sono tornati. Punto.

Bookmark and Share

Damon Albarn sa come far parlare di se stesso e dei suoi progetti, non c’è che dire. I Blur tornano a suonare dal vivo e fanno uscire l’album gratuito della performance con un importante quotidiano britannico, il chitarrista Graham Coxon preme per tornare a suonare con lui e i giornali ci vanno a nozze e, come se non bastasse, i Blur hanno ricevuto la Blue Plaque, targa che commemora il primo concerto della band tenuto col nome Seymour nell’Essex.

Se pensate che le notizie siano finite qui, state sbagliando. Già, perché i Gorillaz stanno per tornare sulle scene: sembra che il nuovo disco si intitolerà Plastic Beach, che i pezzi siano pronti, che Alan Moore abbia partecipato ai testi e che la lista degli ospiti includa Lou Reed, Bobby Womack, Snoop Dogg, Mos Def, The Horrors e Barry Gibb.

Bookmark and Share
TwitterFacebookMySpaceDiggdeliciousStumbleUponTechnoratiRedditFeed RSS

Dopo la recente pubblicazione dell’EP Splitting The Atom, i Massive Attack sono pronti a tornare sulle scene con un ellepì di inediti nuovo di zecca che segue la colonna sonora di Danny The Dog e il pregevole 100th Window. Il nuovo album si intitolerà Heligoland – qui accanto ne potete ammirare la copertina – e sarà nei negozi il prossimo 8 febbraio.

Alla realizzazione dell’album hanno partecipato vari artisti tra cui Damon Albarn dei Gorillaz e dei Blur, Guy Garvey degli Elbow, Martina Topley-Bird e Hope Sandoval. Ecco la tracklist:

01 Pray For Rain
02 Babel
03 Splitting The Atom
04 Girl I Love You
05 Psyche
06 Flat Of The Blade
07 Paradise Circus
08 Rush Minute
09 Saturday Come Slow
10 Atlas Air

Bookmark and Share